Tutte le Agevolazioni Legge 104: permessi, detrazioni e deduzioni

Tutte le Agevolazioni che puoi richiedere con la Legge 104

// Autore:
Home » Blog » Leggi, normative, decreti » Tutte le Agevolazioni che puoi richiedere con la Legge 104
Tutte le agevolazioni della Legge 104

La Legge 104 del 1992, nota anche come “Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”, è una legge italiana che mira a garantire l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con disabilità. La legge prevede una serie di agevolazioni per le persone con disabilità e per le loro famiglie, come ad esempio agevolazioni fiscali, permessi lavorativi retribuiti per assistere la persona con disabilità, e misure di sostegno al reddito. Per beneficiare delle agevolazioni previste dalla Legge 104, è necessario che la disabilità sia certificata da un’apposita commissione medica. Le agevolazioni non sono rivolte solamente alle persone con disabilità, ma anche alle loro famiglie, che possono beneficiarne in qualità di familiari a carico.

Quali sono i bonus, le agevolazioni ed i contributi economici della Legge 104?

  • Un genitore lavoratore (anche genitori adottivi) di un minore con handicap in situazione di gravità accertata ha diritto al prolungamento fino a 3 anni del periodo di astensione facoltativa dal lavoro a condizione che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno presso strutture ed istituti specializzati. 
  • Il genitore può richiedere, in alternativa al periodo di astensione dal lavoro, 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del terzo anno di età del bambino. 
  • Al compimento del terzo anno di età del bambino, il genitore può richiedere 3 giorni di permesso mensile anche continuativo. Ne ha diritto anche chi assiste un parente entro il terzo grado purché convivente.
  • Il genitore o familiare lavoratore che assiste un parente entro il terzo grado ha diritto a scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferito in altra sede senza il suo consenso. 

Agevolazioni Fiscali Legge 104

Detrazioni Fiscali IRPEF per figli a carico

  • Per ogni figlio con disabilità spettano delle detrazioni dall’IRPEF:
    • 1630 euro per figli con meno di 3 anni
    • 1350 euro per figli con più di 3 anni

Con più di 3 figli a carico la detrazione aumenta di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo. Le detrazioni si annullano con reddito oltre i 95.000 euro. 

Hai bisogno di un preventivo gratuito di assistenza domiciliare?

Detrazioni per i veicoli

  • Detrazione IRPEF del 19% della spesa sostenuta per l’acquisto del veicolo per la persona con handicap
  • Iva agevolata al 4% sull’acquisto
    • Limite cilindrata per auto con motore a benzina: 2000 cc
    • Limite cilindrata per auto con motore diesel: 2800 cc
    • Limite motori elettrici: potenza non superiore a 150kw
  • L’Iva agevolata al 4% è applicabile anche per:
    • Acquisto contestuale di optional 
    • Prestazioni di adattamento di veicoli non adattati già posseduti dalla persona, anche se superano i limiti di cilindrata 
    • Cessione di strumenti e accessori utilizzati per l’adattamento
    • Cessione di ricambi relativi agli adattamenti 
    • Riparazione degli adattamenti realizzati sulle autovetture delle persone con disabilità / handicap 
  • Esenzione dal bollo auto
  • Esenzione dall’imposta sui passaggi di proprietà
  • Se la persona con disabilità è fiscalmente a carico di un familiare – quindi ha un reddito annuo non superiore a 2840 euro o 4000 per figli con età sotto i 24 anni – può beneficiare delle agevolazioni il familiare che ha sostenuto la spesa  

Riepilogo documenti necessari e obblighi adattamento per agevolazioni acquisto veicolo

PERSONA CON DISABILITÀ OBBLIGO ADATTAMENTO VEICOLO CERTIFICAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA DISABILITÀ
Capacità motorie permanentemente impedite o ridotte SI: l’adattamento deve essere funzionale alla minorazione di tipo motorio di cui la persona con disabilità è affetta e risultare sulla carta di circolazione Verbale della Commissione medica istituita ai sensi dell’articolo 4 della legge n. 104/1992 o di altre Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell’invalidità civile, di lavoro, di guerra. Nelle certificazioni deve essere esplicitata la natura motoria della disabilità ad eccezione del caso in cui la patologia stessa escluda o limiti l’uso degli arti inferiori.
Gravi limitazioni alla capacità di deambulazione NO Verbale della Commissione medica istituita ai sensi dell’articolo 4 della legge n. 104/1992, che attesti la grave e permanente limitazione della capacità di deambulazione o da altre Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell’invalidità civile, di lavoro, di guerra che attesti la gravità della patologia e faccia esplicito riferimento all’impossibilità di deambulare in modo autonomo o senza l’aiuto di un accompagnatore.
Pluriamputato NO Verbale della Commissione medica istituita ai sensi dell’articolo 4 della legge n. 104/1992 o da altre Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell’invalidità civile, di lavoro, di guerra nella quale sia indicata la pluriamputazione e la gravità della minorazione.
Disabilità psichica / mentale con gravità tale da avere il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento NO Verbale di accertamento dell’invalidità emesso dalla Commissione medica pubblica dalla quale risulti che il soggetto si trova in situazione di disabilità psichica o mentale grave. Riconoscimento dell’indennità di accompagnamento (legge n.18/1980 e legge
n.508/1988).
Con Sindrome di Down e titolare dell’indennità di accompagnamento NO Certificazione del medico di base che attesti che il soggetto è affetto da sindrome di Down. Riconoscimento dell’indennità di accompagnamento (legge 18/1980 e legge n.508/1988).
Non vedente: ciechi totali, parziali e ipovedenti gravi NO Certificazione rilasciata dalla Commissione medica pubblica incaricata ai fini del riconoscimento della cecità o Verbale della Commissione medica istituita ai sensi dell’articolo 4 della legge n. 104/1992 o di altre Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell’invalidità civile, di lavoro, di guerra.
Sordo: Sordità alla nascita o preverbale NO Certificazione rilasciata dalla Commissione medica pubblica incaricata ai fini del riconoscimento della sordità o Verbale della Commissione medica istituita ai sensi dell’articolo 4 della legge n. 104/1992 o di altre Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell’invalidità civile, di lavoro, di guerra.

Requisiti medico legali per benefici auto per invalidi

REQUISITO MEDICO LEGALE BENEFICIO VERBALE
Invalidità con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (Dpr n. 495/1922 – art. 381)
Non vedenti (art. 12 Dpr n. 503/1996)
Contrassegno invalidi Invalidità civile / handicap / disabilità / cecità / sordità
Ridotte o impedite capacità motorie permanenti (art. 8 legge n. 449/1997) Benefici per veicoli con adattamento Handicap
Disabilità psichica o mentale di gravità tale da avere determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento (art. 30, comma 7, legge n. 388/2000) Benefici per veicoli senza adattamento Invalidità civile
Invalidità con grave limitazione della capacità di deambulazione o pluriamputazione (art. 30, comma 7, legge 388/2000) Benefici per veicoli senza adattamento Invalidità civile / Handicap / Disabilità
Non vedenti (art. 50 della legge 342/2000) Benefici per veicoli senza adattamento Invalidità civile / Handicap / Disabilità / Cecità
Sordità (art. 50 della legge 342/2000) Benefici per veicoli senza adattamento Sordità

Sussidi tecnici, protesi, strumenti tecnici e informatici e altro

  • Detrazione IRPEF del 19% della spesa per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici 
  • Iva agevolata al 4% per l’acquisto dei sussidi tecnici e informatici 
  • Detrazione delle spese di acquisto e di mantenimento del cane guida per i non vedenti 
  • Detrazione IRPEF del 19% delle spese per i servizi di interpretariato dei sordi 
  • Iva al 4% per:
    • Protesi ed ausili per menomazioni funzionali permanenti 
    • Protesi dentarie, apparecchi di ortopedia e di oculistica
    • Apparecchi uditivi per sordi
    • Poltrone per inabili e persone con disabilità non deambulanti

Barriere architettoniche

  • Detrazione delle spese sostenute per la realizzazione di interventi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche
  • Iva al 4% per:
    • Servoscala, piattaforme elevatrici e altri mezzi necessari per il superamento di barriere architettoniche
    • Ascensori
    • Montacarichi
    • Sostituzioni di gradini con rampe
    • Prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto per la realizzazione di opere per il superamento o l’eliminazione delle barriere architettoniche
    • la nuova detrazione del 75%, valida solo per l’anno 2022, introdotta dalla legge Legge di bilancio 2022 (legge n. 234/2021)
    • la detrazione del Superbonus 110% prevista per gli interventi “trainati”, se eseguiti congiuntamente a determinati interventi “trainanti”.

Detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia

  • La detrazione IRPEF per ristrutturazione edilizia dell’immobile, disciplinata dall’articolo 16-bis del Tuir (comma 1, lettera e), così definita:
    • Detrazione IRPEF del 50%, su un importo massimo di 96.000 euro, per spese sostenute tra il 26/06/2012 e il 31/12/2024
    • Detrazione IRPEF del 36%, su un importo massimo di 48.000 euro, per spese effettuate dal 1/1/2025

Spese sanitarie, assistenza domiciliare e assistenza familiare e personale

  • Deduzione dal reddito complessivo dell’intero importo per spese mediche generiche e di assistenza specifica
  • Deduzione dal reddito complessivo degli oneri contributivi – per un importo massimo di 1.549 euro – versati per gli addetti ai servizi domestici e assistenza familiare 
  • Detrazione IRPEF del 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale, da calcolare su un importo massimo di 2100 euro, con tetto massimo di reddito non superiore a 40.000 euro

Detrazioni per polizze assicurative

  • 530 euro per assicurazioni che prevedono il rischio di morte o invalidità permanente 
  • 1.291 euro per le assicurazioni che coprono il rischio di non autosufficienza nello svolgimento di atti concernenti la vita quotidiana

Fonti: Agenzia delle Entrate – Guida alle Agevolazioni Fiscali

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.