Orari Visite Fiscali: fasce di reperibilità per dipendenti pubblici e privati, quarantena, weekend, sanzioni

//
Home » Blog » Leggi, normative, decreti » Orari Visite Fiscali: fasce di reperibilità per dipendenti pubblici e privati, quarantena, weekend, sanzioni

Visite fiscali: Orari di reperibilità per controlli di malattia

Fasce orarie visite fiscali per dipendenti privati o pubblici

Tipo di DipendenteOrari e Fasce di reperibilità (7 giorni su 7, anche weekend e festivi)
Dipendenti privatiDalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19
Dipendenti pubblici e stataliDalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18
Tabella riassuntiva degli orari in cui vengono svolti i controlli di assenza per malattia, per dipendenti pubblici e privati.

Le visite fiscali vengono effettuate tutti i giorni, compresi sabato e domenica, e possono ripetersi più volte durante lo stesso giorno. Gli orari non cambiano rispetto l’anno 2020. Si può ricevere la visita del medico fiscale già dal primo giorno di malattia.

È possibile ricevere la visita fiscale se sono in quarantena per COVID?

Si, è possibile ricevere la visita fiscale se si è in quarantena per COVID, la differenza con una normale visita fiscale è che il medico fiscale è tenuto a verificare la permanenza nell’abitazione del lavoratore in malattia attraverso il citofono, il telefono e altri mezzi di comunicazione a disposizione senza accedere direttamente al domicilio; deve osservare le direttive ministeriali ed evitare l’accesso al domicilio del lavoratore in quarantena per scongiurare possibilità di contagio.

Cosa fare se si è posti in quarantena per Coronavirus e non ci si può recare a lavoro

L’INPS, a seguito dei vari DPCM emanati a Marzo e Aprile 2020 disponeva l’equiparazione della quarantena alla tutela da malattia prevista:

Cosa prevede la tutela?

La tutela prevede l’equiparazione a malattia dei periodi di assenza dal lavoro dovuti a quarantena con sorveglianza attiva o permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva o di quarantena precauzionale, disposti dall’operatore di sanità pubblica (messaggio 24 giugno 2020, n. 2584).

Mentre il DPCM del 4 Marzo del 2020 disponeva quanto segue in materia di assenza dal lavoro per lavoratori posti in quarantena (comma d in grassetto):

2. L'operatore di sanita' pubblica e i servizi di sanita'  pubblica
territorialmente   competenti   provvedono,    sulla    base    delle
comunicazioni di cui al comma 1, lettera i), alla prescrizione  della
permanenza domiciliare, secondo le modalita' di seguito indicate: 

    a) contattano telefonicamente e assumono  informazioni,  il  piu'
possibile dettagliate e documentate, sulle zone di  soggiorno  e  sul
percorso del viaggio effettuato nei quattordici giorni precedenti, ai
fini di una adeguata valutazione del rischio di esposizione; 

    b) accertata la necessita' di avviare la sorveglianza sanitaria e
l'isolamento  fiduciario,  informano  dettagliatamente  l'interessato
sulle misure da adottare, illustrandone le modalita' e  le  finalita'
al fine di assicurare la massima adesione; 

    c) accertata la necessita' di avviare la sorveglianza sanitaria e
l'isolamento fiduciario,  l'operatore  di  sanita'  pubblica  informa
inoltre il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta
da  cui  il  soggetto  e'  assistito  anche  ai  fini  dell'eventuale
certificazione ai fini INPS (circolare INPS HERMES 25  febbraio  2020
0000716 del 25 febbraio 2020); 

    d) in caso di necessita'  di  certificazione  ai  fini  INPS  per
l'assenza dal lavoro,  si  procede  a  rilasciare  una  dichiarazione
indirizzata all'INPS, al datore di lavoro e  al  medico  di  medicina
generale o al pediatra di libera scelta in cui si  dichiara  che  per
motivi  di  sanita'  pubblica   e'   stato   posto   in   quarantena,
specificandone la data di inizio e fine. 

I casi in cui è possibile assentarsi durante gli orari di visita fiscale

L’assenza alla visita fiscale è giustificata se si è ricoverati in una struttura sanitaria o in un ospedale, in caso di trattamenti di gravi malattie che richiedono cure particolari (malattie cardiache, oncologiche).

È possibile assentarsi anche per le seguenti motivazioni:

  • Visita medica presso il proprio medico curante, nel caso in cui l’orario di visita coincida con quello della visita fiscale 
  • Visitare un familiare ricoverato, nel caso in cui gli orari di visita coincidano con quelli della visita fiscale 
  • Cure dentistiche urgenti
  • Ritiro di referti collegati al certificato di malattia per la quale ci si è assentati dal lavoro
  • Cure mediche inerenti alla malattia per cui si è assenti dal lavoro (terapie, iniezioni, fisioterapia, radiografie)
  • Situazioni di emergenza che hanno reso necessaria la presenza della persona in un luogo diverso dall’abitazione

Casi di esenzione da visita fiscale INPS

Il proprio medico curante può effettuare l’esonero dalle visite fiscali INPS in caso di alcune patologie, come depressione o cefalea acuta, il cui trattamento terapeutico non permette la permanenza in luoghi chiusi per molto tempo. 

Sanzioni per assenza alla visita fiscale INPS

Nel caso di assenza ingiustificata va presentata una giustificazione valida entro quindici giorni dal giorno del ricevimento della prima visita, altrimenti il lavoratore riceve una sanzione del 100% dell’indennità di malattia per i primi dieci giorni.

In caso di mancata giustificazione e assenza alla seconda visita fiscale si riceve una sanzione del 50% dell’indennità residua, in aggiunta alla sanzione dei primi dieci giorni.

In caso di assenza alla terza visita fiscale si perde il contributo economico di indennità di malattia per tutto il periodo restante.

Obblighi del lavoratore per la Visita Fiscale

Il lavoratore ha l’obbligo di reperibilità, è tenuto a prendere tutti gli accorgimenti possibili per permettere al medico fiscale di effettuare la visita nelle fasce di reperibilità, per cui ogni motivazione non giustificata non sarà accolta, ad esempio: il campanello o il citofono non funzionante, il nome non presente sul citofono, il cambio di domicilio non comunicato.

Cosa fare se si trascorre il periodo di malattia in un luogo diverso da quello di residenza e domicilio

In caso di permanenza, durante il periodo di malattia, a un indirizzo diverso da quello di domicilio e residenza, è possibile comunicare al medico di base l’indirizzo dove verrà trascorso il periodo di malattia. Tale indirizzo sarà riportato sul certificato di malattia e verrà trasmesso in automatico all’INPS, che ne terrà conto e invierà la visita fiscale a quell’indirizzo. Può essere il caso in cui una persona stia trascorrendo il periodo di isolamento per il COVID-19 ad un indirizzo di diverso da quello di casa propria.

Crediti: Foto di Online Marketing su Unsplash

Condividi:

34 commenti su “Orari Visite Fiscali: fasce di reperibilità per dipendenti pubblici e privati, quarantena, weekend, sanzioni”

  1. Ero in malattia, un pomeriggio alle 18:10 arriva la visita dell’imps, il quale dichiara che io non resideo in quel palazzo, e pertanto non ha lasciato l’avviso. Questo succede il 20 novembre 2017. La mia azienda circa due settimane fa, mi fa recapitare una lettera, dove si dice. Che io non ero in casa al momento del sopralluogo, e pertanto mi verranno tolte 10 giornate. Dal momento che sul citofono c’era il mio nome, perché il medico si è comportato così? E cosa dovrei fare a riguardo oltre che strappargli il fegato?. Sono passati 5 mesi da quando è successo di cui due settimane da quando ne sono venuto a conoscenza.

    Rispondi
  2. Buongiorno, forse avete invertito l’orario di visita per dipendenti pubblici e privati? Altri siti indicano il contrario. Prego controllare.

    Rispondi
  3. Salve, vorrei sapere se, in caso di convalescenza post ricovero ospedaliero per covid, bisogna ugualmente aspettarsi il controllo da parte del medico fiscale. Grazie!

    Rispondi
  4. Salve Antonia, le situazioni possono non essere tutte uguali, in linea generale si può ricevere la visita fiscale anche se si è assenti da lavoro per patologie legate alla COVID.

    Rispondi
  5. L’astensione da lavoro per “gravidanza a rischio” ho letto non essere soggetta a visita fiscale…io sono stata scelta come scrutatrice per le elezioni presso il mio comune di residenza: posso o meglio evitare?
    Grazie

    Rispondi
  6. Salve
    Se il mio certificato medico è valido fino a tutta la giornata di ieri cioè sabato 18 settembre e oggi sono scoperta,
    Potrei uscire un attimo di casa a fare spesa anche nelle ore in cui potrebbe arrivare visita fiscale!?

    Rispondi
    • Salve Slavica, come riportato all’interno dell’articolo, si può ricevere la visita fiscale anche il primo giorno di malattia.

      Rispondi
  7. Buonasera , se un dipendente in malattia ha una visita medica inerente la sua malattia a distanza di 70 km …alle 12 …può assentarsi fino alle 18 ?
    Grazie mille

    Rispondi
  8. Buon pomeriggio,io ho avuto un piccolo incidente,con prognosi di 5 giorni e (avendo ancora dolore alla caviglia) prolungamento di altri 10 giorni,essendo una casalinga..devo rimanere in casa? Ho dei controlli e orari? Grazie

    Rispondi
  9. salve, devo accompagnare la mia compagna al ricovero per il parto, posso assentarmi per la visita fiscale? ho bisogno di qualche documento? devo comunicarlo?

    Rispondi
  10. Salve sono un dipendente pubblico lavoro presso un ente locale vorrei sapere se recarsi presso hub vaccinale per sottoporsi a vaccino e’ un giustificativo valido ai fini di eventuale visita fiscale grazie. Ovviamente chiederei giustificativo all’hub

    Rispondi
  11. Buongiorno,
    Nel mio condominio diamo in 2 ad avere lo stesso cognome in più l’altra persona è proprio il primo citofono quindi ho paura che vedendo subito lui non suonino a me posso comunicarlo all’Inps? Grazie

    Rispondi
  12. Buonasera volevo sapere se in isolamento COVID gli orari di visita fiscale sono gli stessi di una malattia, oppure visto che sono costretto a stare chiuso posso ricevere il controllo ad ogni ora grazie

    Rispondi
  13. Salve il medico addetto alla visita fiscale, può chiedermi se ho effettuato la vaccinazione Covid e quante dosi sono state fatte ?Se non rispondo cosa succede?
    Posso io chiedere a lui questo e posso chiedere se ha effettuato il tampone per una mia sicurezza dato che viene nella abitazione?

    Rispondi
  14. salve sabato 5 marzo trovo una notifica del medico fiscale sotto la porta con crocettato la voce assente …ma io ero a letto (ma potevo anche essere in bagno ) e quindi non fare in tempo ad aprire la porta …ora mi è stato detto che mi devo rivolgere al mio datore di lavoro in quanto dipendente pubblico …cosa succede cosa devo aspettarmi e come soprattutto posso tutelarmi e far valere le mie ragioni
    grazie
    cordiali saluti

    Rispondi
  15. Salve buongiorno;
    io fino a stasera risulto in malattia perché 7 giorni fa ho fatto il tampone e risultavo positiva, stamani dovrei ripetere il tampone in farmacia; la mia domanda è : posso uscire nonostante sono in malattiA; se viene un controllo come si fa? Rischio?

    Rispondi
    • Salve Federica, secondo le fonti la visita fiscale può passare fino all’ultimo giorno di certificato e non oltre il termine dello stesso.

      Rispondi
  16. Salve, se durante il periodo per malattia da covid si effettua il tampone in farmacia con esito negativo e quindi si viene dichiarati guariti da covid, è possibile uscire nei giorni successivi anche se c’è il certificato medico ancora in corso? Grazie

    Rispondi

Lascia un commento