Pannoloni per Anziani Gratuiti: chi ne ha diritto, come sceglierli e richiederli

//
Home » Blog » Risorse » Pannoloni per Anziani Gratuiti: chi ne ha diritto, come sceglierli e richiederli

Esistono diverse tipologie di pannoloni per anziani, hanno varie forme o sagomature, possono essere monouso oppure lavabili e riutilizzabili. Inoltre, per alcune patologie, si può fare richiesta ad ASL e medico di base di riceverli gratuitamente con consegna a domicilio.

Come si indossano i pannoloni per anziani?

Per non dilungarci inutilmente, qui sotto vi linkiamo un video che spiega molto bene come cambiare un pannolino ad una persona allettata o con mobilità ridotta. Se i familiari del paziente allettato non sono in grado di cambiare il pannolino può occuparsene la badante.

Il video spiega nel dettaglio come cambiare un pannolone ad una persona con mobilità ridotta.

Tipologie di pannoloni

I pannoloni per anziani sono presidi per l’incontinenza urinaria e/o fecale. Ne esistono di diversi modelli, con differenti livelli di assorbenza, lavabili e riutilizzabili oppure monouso.

I modelli principali sono:

Pannoloni per anziani a mutanda con chiusura laterale

pannoloni a mutanda con chiusura laterale: sono quelli più adatti alle persone anziane o invalide che soffrono di incontinenza fecale. Trattengono gli odori ed evitano perdite o fuoriuscite. Possono facilitare la comparsa di irritazioni perché non aiutano la pelle a prendere aria.

Pannoloni rettangolari

pannoloni rettangolari: hanno la forma di uno slip o di un assorbente, facilitano la respirazione e non sono molto ermetici, vanno cambiati abbastanza spesso. Consigliati per pelli sensibili.

Pannoloni per anziani sagomati

pannoloni sagomati: sono il modello più comodo, aiutano la traspirazione e sono indicati per le pelli sensibili. Non adatti per chi soffre di incontinenza fecale perché non ermetici.

Mutanda adulti per incontinenza

pannoloni a mutanda per incontinenza: risultano molto efficaci per incontinenza urinaria, meno per quella fecale. Non si notano sotto i vestiti e sono comodi da indossare e tenere anche per molte ore.

Note: i link presenti nelle immagini di questo articolo sono link di affiliazione Amazon. A te non costerà nulla, se acquisterai passando dal nostro sito noi riceveremo una piccolissima percentuale sul tuo acquisto che servirà a supportare il nostro sito per la ricerca e scrittura di articoli informativi come quello che stai leggendo.

Chi ne ha diritto?

Se si è affetti da una patologia che rientra nella lista qui sotto è possibile richiedere la fornitura e distribuzione gratuita dei presidiLa richiesta va fatta al medico di base e alla ASL del comune di appartenenza.

Le informazioni che trovate di seguito sulle patologie, la lista delle persone che possono fare richiesta e la lista dei presidi, riguardano la ASL del Comune di Latina.

  • Invalidi civili, non vedenti, ipovedenti, sordomuti
  • Invalidi di guerra
  • Invalidi per servizio
  • Pazienti Enterostomizzati o urostomizzati
  • Minori che necessitino di interventi di prevenzione
  • Persone con arti amputati
  • Donne mastectomizzate
  • Cittadini ultrasessantacinquenni riconosciuti invalidi ai soli fini dell’assistenza socio-sanitaria
  • Cittadini che hanno presentato domanda di invalidità, sono stati sottoposti a visita collegiale e sono in attesa del riconoscimento (verbale) di invalidità

Ausili, protesi e presidi forniti dalla ASL

  • Presidi ortopedici
  • Protesi acustiche
  • Protesi per laringectomizzati
  • Protesi oculari e presidi per ipovedenti e non vedenti
  • Protesi fisiognomiche
  • Ausili tecnici per l’incontinenza (pannoloni, traverse, cateteri e sacche)
  • Presidi antidecubito (materassi e cuscini)
  • Ausili tecnici per il recupero della funzione alimentare
  • Ausili tecnici per la funzione acustica
  • Ausili tecnici per la funzione motoria
  • Ausili tecnici per la funzione della fonazione e della comunicazione
  • Ausili tecnici per la funzione respiratoria
  • Ausili tecnici per la funzione visiva

(Fonte: ASL: Assistenza protesica)

Pannolini gratis per Anziani: come richiederli alla ASL

Documenti necessari per le forniture e iter da seguire

È necessario che un medico del SSN (servizio sanitario nazionale), specialista nella disabilità del paziente, compili una prescrizione con l’indicazione di diagnosi e la tipologia di invalidità del paziente, il programma terapeutico, il tipo di dispositivo e il codice nomenclatore-tariffario del dispositivo.

Per richiedere i presidi alla ASL è necessario anche il certificato di residenza del comune di appartenenza, insieme alla fotocopia del documento di identità del paziente.

Se la richiesta di fornitura gratuita fosse rifiutata, con la Legge 104 si avrebbe diritto all’acquisto di pannoloni e altri prodotti di carattere sanitario con agevolazione IVA al 4%, abbattendo la spesa per l’assistenza.

Superare l’imbarazzo e la paura del giudizio

Indossare un pannolino assorbente può dare origine a imbarazzopaura del giudizio e depressione. Soffrire di incontinenza provoca un forte senso di disagio nelle persone. Diversi modelli di pannoloni per anziani sono abbastanza discreti e possono essere indossati anche sotto indumenti leggeri e estivi senza essere notati. La componente psicologica è molto importante per il benessere delle persone, consigliamo di non sottovalutare questo aspetto.

La tua esperienza

Hai mai provato a richiedere la fornitura dei dispositivi medici gratuiti al servizio sanitario nazionale? Hai avuto difficoltà nella modalità di richiesta? Hai mai utilizzato i pannoloni per anziani? Raccontaci la tua esperienza nei commenti.

Crediti: Icona di Freepik da flaticon.com

Condividi:

7 commenti su “Pannoloni per Anziani Gratuiti: chi ne ha diritto, come sceglierli e richiederli”

    • Salve Mimma, è necessario che un medico specialista nella disabilità del paziente, faccia una prescrizione in cui venga indicata la diagnosi e la tipologia di invalidità del paziente, il programma terapeutico, il tipo di dispositivo e il codice nomenclatore-tariffario del dispositivo.

      Rispondi
  1. Buon giorno, mia mamma , 91 anni, riceve dei pannoloni, che non sono molto idonei: non sono abbastanza contenitivi ( avendo la stomia, servono solo per le orine ), se si sbaglia a richiuderli, si stacca e non sono più utili, inoltre considerano 2 cambi di pannoloni al giorno, mentre ne servirebbero 3, per cui la quantità fornita non è sufficiente e bisogna comprarli .

    Rispondi
    • Buongiorno Paola, la ringrazio per aver condiviso la sua esperienza, può essere d’aiuto ad altre persone. Purtroppo il Sistema Sanitario Nazionale non riesce a soddisfare in toto le necessità delle persone bisognose.

      Rispondi
  2. Buongiorno,
    mio padre 84 anni ha presentato domanda di invalidità, è stato sottoposto a visita collegiale e riconosciuto (verbale) invalido civile al 100% e n diritoo alla legge 104 per handicap al 100%.

    Ha diritto alla fornitura dei pannoloni e mutandine essendo anche incontinente e come deve faree per ottenerli?

    siamo in regione lombardia

    Saluti

    Rispondi
  3. Buon giorno sono Marcello della provincia di Catania: mio padre era allettato è il medico gli ha fatto la richiesta per l’assistenza domiciliare, cosa che hanno accettato, i pannoloni sono arrivati dopo due mesi dalla richiesta e a una settimana dalla sua morte. Sono stato contattato dall’Asp di zona e mi dicono di restituire la rimanenza. È vero che i pannoloni non vanno necessariamente restituiti, in quanto gia fatturati all’assistito, e che una restituzione fittizia (senza documento di reso) potrebbe alimentare un mercato nero di tali prodotti? È chiaro che quello che mi è rimasto lo donerò, se non sono sicuro che il reso non è previsto, ma alimenta il solito abuso di ufficio, con scambio di favori, dei vari impiegati del settore.

    Rispondi

Lascia un commento